Home » News » Decontaminazione di bracket ortodontici: efficacia di soluzioni a base di clorexidina (https://www.ildentistamoderno.com/decontaminazione-di-bracket-ortodontici-efficacia-di-soluzioni-a-base-di-clorexidina/)

Decontaminazione di bracket ortodontici: efficacia di soluzioni a base di clorexidina (https://www.ildentistamoderno.com/decontaminazione-di-bracket-ortodontici-efficacia-di-soluzioni-a-base-di-clorexidina/)

bacteria-811861-696x728

L’ortodontista si interfaccia in buona parte della propria attività clinica, con pazienti pediatrici e, pertanto, deve prestare massima attenzione ai rischi di cross-contaminazione. Strumenti o applicazioni di uso ortodontico possono andare incontro, appunto, a fenomeni di contaminazione nel caso di mancato rispetto delle norme igieniche in corso di processi produttivi e di packaging. L’impiego di prodotti esposti a rischio di contaminazione previo metodica di disinfezione – se non di sterilizzazione – è una misura utile a contenere tale rischio.

In generale, la terapia ortodontica, fissa o rimovibile, può indurre modificazioni a livello della flora batterica orale abbassando il pH, favorendo l’accumulo di placca dentale e incrementando il conteggio microbico nel fluido salivare.

A fianco delle metodiche di sterilizzazione a caldo, le tecniche di disinfezione chimica sono un ausilio preventivo fondamentale, da condurre secondo una tecnica adeguata che non può prescindere dalla conoscenza dei prodotti disponibili. Glutaraldeide, perossido di idrogeno (acqua ossigenata), alcool e clorexidina sono i disinfettanti più comunemente utilizzati nel processo di sterilizzazione chimica. In modo particolare, la clorexidina è un disinfettante assai favorevole, in virtù dell’azione battericida ad ampio spettro che assicura nei confronti di batteri gram-positivi e gram-negativi.

 

continua a leggere https://www.ildentistamoderno.com/decontaminazione-di-bracket-ortodontici-efficacia-di-soluzioni-a-base-di-clorexidina/